4.146.000 EURO DI NUOVI FINANZIAMENTI PER LA DIFESA IDRAULICA DEL TERRITORIO

Cinque nuovi finanziamenti della Protezione Civile Nazionale, giunti tramite la Regione Veneto per altrettanti progetti, sono stati concessi al Consorzio di bonifica Brenta per la messa in sicurezza del territorio a seguito della tempesta Vaia del 2018.


Con un passo indietro, tra il 2019 e 2020, il Consorzio era stato coinvolto con 7 interventi ed un progetto esecutivo per un finanziamento complessivo di 4.800.000 euro. I lavori riguardanti direttamente i territori di Bassano del Grappa, Marostica, Mestrino, Padova, Nove, Piazzola sul Brenta, Rosà, Rossano Veneto e Veggiano e indirettamente anche altri comuni (Campodoro, Limena, Rubano, Saccolongo, Schiavon, Selvazzano e Villafranca) sono già conclusi o ad avanzato stato di realizzazione.

Ora la conferma giunta dei nuovi finanziamenti per un importo complessivo di 4.146.000 euro. «Il Consorzio si fa nuovamente parte attiva per la messa in sicurezza del Territorio dal punto di vista idraulico - spiega il presidente, Enzo Sonza – il Decreto è arrivato da poco ed abbiamo tempi molto ristretti per l’intera progettualità, le autorizzazioni e la messa in gara. Ci siamo riusciti nel passato e contiamo di farcela anche ora, perché il Consorzio, quando è chiamato, si fa trovare sempre presente!»

Il primo progetto, per un importo di 1.500.000 euro, interessa Bassano del Grappa e riguarda il proseguimento verso valle di un intervento già avviato nell’anno precedente alle prese del canale Medoaco a ridosso del Ponte Nuovo. Si tratta ora di svolgere un intervento di consolidamento e ricostruzione delle murature dell’importante vettore idrico del Consorzio, da cui deriva gran parte della rete irrigua del comprensorio. Il canale fu realizzato nel 1927, e la piena di fine 2018 ne ha aggravato sensibilmente le condizioni di stabilità, per cui richiede a quasi cent’anni di distanza un significativo intervento di ripristino anche strutturale.
Per la sistemazione del torrente Riale a Breganze, in un tratto in cui è arginato e in prosecuzione di un intervento già realizzato qualche anno fa con fondi regionali, sono destinati 550.000 euro. Tale corso d’acqua, come altri della zona, ha subito vari eventi critici e necessita inderogabilmente di ricalibratura e protezione per aumentarne la resilienza, anche per la presenza limitrofa della Superstrada Pedemontana Veneta e della sua complanare realizzata in trincea.
Tra Colceresa e Breganze, con una spesa prevista di 1.500.000 euro, verrà realizzata una nuova cassa di espansione a monte della SPV, un bacino di trattenimento delle acque di piena sempre del torrente Riale per ridurre le portate verso valle e alleggerire anche i corsi d’acqua ricettori (Laverda, Astico Tesina affluente del Bacchiglione).


Il quarto intervento riguarda il miglioramento del nodo idraulico dove lo scolo Bisatto recapita nel canale Brentella, oggi attraverso un doppio pompaggio tramite l’impianto idrovoro di Brentelle, mentre si intende realizzare un pompaggio unico e diretto, a salvaguardia dei centri abitati fortemente urbanizzati presenti in zona (300 mila euro). Ed infine, con un finanziamento di 296 mila euro, verrà integrato l’intervento sullo scolmatore già in corso di realizzazione a Piazzola sul Brenta con i fondi dell’anno precedente, necessaria per lo spostamento di vari sottoservizi intersecati dal nuovo collettore idraulico.
Il Consorzio, con il direttore ing. Umberto Niceforo designato quale Soggetto Attuatore, sta predisponendo rapidamente i progetti per poi dar seguito alle procedure di approvazione e di affidamento con scadenza per la stipula dei contratti fissata il 31 dicembre 2021.

Cittadella, 7 settembre 2021

Consorzio di bonifica Brenta
Riva IV novembre, 15 - 35013 Cittadella (PD) - Tel. 049/5970822 - Fax 049/5970859
E-mail: info@consorziobrenta.it - Posta certificata: consorziobrenta@legalmail.it

Andrea Maroso· mobile 348.0017498 · ufficiostampa@consorziobrenta.it