LA TROUPE GEO DELLA RAI IN CONSORZIO


Telecamere RAI accese nei giorni scorsi nel territorio bassanese. La troupe della trasmissione GEO, dedicata alla natura e all’ambiente presente per registrare uno speciale sull’asparago ed i prodotti tipici della produzione agricola, ha inserito nella puntata anche tema dell’acqua.

I vertici del Consorzio, presieduto da Enzo Sonza, con il presidente della Commissione Lavori Pubblici dell’Ente, Paolo Brotto ed il direttore, ing. Umberto Niceforo hanno accolto i giornalisti Rai catturando il loro interesse con la storia dell’irrigazione del Comprensorio: allo scavo delle rogge sotto la Repubblica di Venezia e allo sviluppo che si è avuto grazie alla realizzazione di una rete capillare di grandi e piccoli canali che prelevavano dal fiume Brenta e adducevano le acque a proprietà anche distanti, nel cittadellese e fino alle porte di Castelfranco Veneto.
Un sistema di canali e relativi manufatti un tempo realizzato dai grandi proprietari di terreni della zona, che si sono via via consorziati, istituendo i Consorzi di roggia, fino al Novecento in cui sono loro subentrati i Consorzi di bonifica, giunti all’attualità.

La visita è iniziata al parco delle antiche prese irrigue e delle centrali idroelettriche di San Lazzaro a Bassano dove sono state raccolte immagini e video anche tramite la moderna tecnica del drone, appositamente libratosi in volo. È poi proseguita seguendo il “viaggio” dell’acqua da monte a valle, con una tappa al manufatto storico dei Livelloni a Rosà alla presenza del sindaco, Paolo Bordignon rappresentante della Regione in Consorzio. A Rosà i giornalisti hanno puntato le loro telecamere nella località dove un tempo cinque rogge si diramavano dal canale principale che qui giungeva e giunge tuttora (la roggia Dolfina), per poi procedere verso i territori posti più a sud e ad est.
Al giorno d’oggi, oltre alla valenza irrigua, i canali assumono varie funzioni anche ambientali, per la fauna ittica, per la vivificazione, per la produzione di energia pulita, e ben si prestano anche a creare percorsi di fruizione in cui gli stessi manufatti storici di regolazione delle acque, tra i quali anche quelli oggetto del servizio, ben si prestano allo scopo. Come delle vere e proprie “cattedrali dell’acqua”.
Il Consorzio nell’occasione ha anche presentato i vari studi storici che sono stati sviluppati sull’argomento e dato ampio resoconto su come la gestione delle acque sia tuttora strategica per il territorio, ricevendo molta attenzione e plauso.
Il servizio verrà trasmesso a fine estate.

Cittadella, 11 maggio 2021

Consorzio di bonifica Brenta
Riva IV novembre, 15 - 35013 Cittadella (PD) - Tel. 049/5970822 - Fax 049/5970859
E-mail: info@consorziobrenta.it - Posta certificata: consorziobrenta@legalmail.it

Andrea Maroso· mobile 348.0017498 · ufficiostampa@consorziobrenta.it